Rilascio targhe storiche per veicoli di interesse storico e collezionistico

/, I nostri servizi/Rilascio targhe storiche per veicoli di interesse storico e collezionistico

Il Decreto Dirigenziale 468 del 23/11/2023 disciplina le modalità operative per il rilascio della targa storica per i veicoli di interesse storico e collezionistico di cui all’ art.60 del c.d.s..

La targa storica potrà essere rilasciata, a richiesta degli interessati, per gli autoveicoli, i motoveicoli e le macchine agricole che rispettino le seguenti caratteristiche:

  • già immatricolati in Italia e radiati d’ufficio ai sensi dell’articolo 96 c.d.s.;
  • radiati per esportazione ai sensi dell’art.103 c.d.s.;
  • radiati per ritiro su area privata, ai sensi della previgente legislazione, su richiesta presentata per la prima volta entro il 26 aprile 2006;
  • radiati per demolizione, ai sensi della previgente legislazione, prima del 30 giugno 1998, ad esclusione di quelli per i quali siano stati erogati contributi statali alla rottamazione;
  • immatricolati in Italia e mai dismessi dalla circolazione, per i quali venga richiesta una reimmatricolazione con targa storica;
  • privi di targhe e di documenti di circolazione, quando non risultino radiati né successivamente reimmatricolati in Italia

La targa storica può essere rilasciata solo a condizione che la stessa, nell’ANV (archivio nazionale veicoli) o nell’archivio PRA, risulti essere già stata precedentemente associata al veicolo di interesse storico e collezionistico per il quale viene richiesta l’immatricolazione o la reimmatricolazione.

Preliminarmente alla presentazione dell’istanza di immatricolazione o di reimmatricolazione, gli interessati dovranno chiedere apposita visura dei dati presenti nell’ANV e nell’archivio PRA per la verifica del numero di targa storica associato al veicolo in sede di prima immatricolazione in Italia, ovvero in un momento storico successivo purché siano rispettati i limiti temporali di vetustà prescritti per la classificazione dei veicoli di interesse storico e collezionistico

Il decreto in parola entra in vigore il 25 novembre 2023 e , conclusa positivamente la prima fase sperimentale, a decorrere dall’8 gennaio 2024, le nuove procedure potranno essere utilizzate da tutti gli operatori professionale (Agenzie o delegazioni aci abilitate allo STA – Sportello Telematico dell’Automobilista).

No comments yet.

Leave a comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Studio R. Carbonin WhatsApp Business
Invio