Ecotassa sulle nuove immatricolazioni

/, CONSULENZE/Ecotassa sulle nuove immatricolazioni

Chiariamo innanzitutto quanto stabilisce la norma di riferimento e cioè la la legge di bilancio 2019 (art. 1, commi da 1031 a 1047 e da 1057 a 1064, della legge 30 dicembre 2018, n. 145) . Tale norma ha stabilito l’imposizione della cosiddetta “ecotassa” ossia una tassa a scaglioni progressivi calcolati sulla base delle emissioni di anidride carbonica (CO2) nell’atmosfera prodotte dal veicolo.
Tale tassa si aggiunge alle imposte già previste (come ad esempio IVA, IPT emolumenti pra e versamenti motorizazione) dovute al momento dell’immatricolazione del veicolo

Esistono 4 scaglioni individuati in base al differente grado di emissioni di co2 a cui corrispondono differenti livelli di tassazione :

  • 1.100 euro per emissioni comprese tra 161 e 175 g/km;
  • 1.600 euro per emissioni comprese tra 176 e 200 g/km;
  • 2.000 euro per emissioni comprese tra 201 e 250 g/km;
  • 2.500 euro per emissioni superiori ai 250 g/km.

L’ecotassa si applica solo alle auto nuove immatricolate a partire dall’01/03/2019 e riguarda sia le persone fisiche che le persone giuridiche. Il soggetto obbligato dovrà procedere al pagamento della tassa tramite modulo F24 indicando il seguente codice tributo:
3500: – imposta per l’acquisto e l’immatricolazione in Italia di veicoli di categoria M1 con emissioni eccedenti la soglia di 160 CO2g/km, articolo 1, comma 1042, della legge 145 del 2018“.

Il codice tributo va indicato nella colonna “importi a debito versati“. Nella sezione contribuente si dovranno indicare il codice fiscale e dati anagrafici del soggetto che effettua il versamento. Poi, si compila la sezione “erario ed altro” nel modo seguente:

  • campo “tipo“: la lettera “A”;
  • campo “codice“, il codice tributo “3500”;
  • campo “elementi identificativi“: numero di telaio del veicolo per il quale è effettuato il pagamento dell’imposta;
  • campo “anno di riferimento“: anno di immatricolazione del veicolo in Italia, in quattro cifre.

Con nota esplicativa n. 32/E l’Agenzia delle Entrate ha sottolineato che “non è assoggettato al pagamento dell’imposta il soggetto che abbia concluso il contratto di acquisto del veicolo in data antecedente al 28 febbraio 2019 e la cui immatricolazione sia avvenuta in data successiva al 1° marzo 2019”.

No comments yet.

Leave a comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Studio R. Carbonin WhatsApp Business
Invio